top of page
JOBS.jpg

Ritorno al futuro: perché VERIWINE è moderno e all'antica.

Probabilmente siete arrivati qui perché siete interessati al vino e non al software. Tuttavia, ci permettiamo una piccola digressione tecnica. Può essere noioso, ma ne vale la pena. Perché in questo modo possiamo mostrarvi perché la nostra soluzione porta qualcosa all'intero mondo del vino.



Il vino è il villaggio gallico dell'industria alimentare. Quest'ultimo è dominato da una piccola dozzina di aziende giganti. Questo vale anche per i mercati secondari come quello della birra o degli alcolici. Anheuser-Busch InBev ha una produzione di birra di 567 milioni di ettolitri*, Diageo registra un fatturato annuo di 11,75 miliardi di sterline britanniche**.


Nel vino - grazie a Dio o a Bacco - non esiste un fornitore con un tale potere. Al contrario: è pieno di piccoli e micro fornitori. Sapevate che in Italia ci sono oltre 1 milione di viticoltori?


Questo comporta grandi vantaggi, come la diversità, le offerte locali e la concorrenza funzionante, ma anche sfide. Uno di questi, il difficile scambio di conoscenze, lo abbiamo trattato in modo approfondito in questo articolo.


Oggi vorremmo spiegare cosa c'entra la nostra soluzione software con le specificità di questo mercato. E perché non vogliamo dominarlo (e probabilmente non potremmo farlo nemmeno se lo volessimo).


Quali tipi di software esistono?


Prima di tutto, c'erano applicazioni centralizzate che funzionavano (o almeno sembravano tali) attraverso un unico sistema. Uno strumento come MS Office ne è un buon esempio. È interessante notare, tuttavia, che la maggior parte dei nuovi fornitori sta cercando di centralizzare il proprio software. Il vantaggio dal punto di vista del fornitore è chiaro: si mantiene il potere e il controllo. Una volta raggiunto un certo numero di utenti, i profitti aumentano.


In seguito, con Internet, sono arrivate le applicazioni decentralizzate o distribuite. I sistemi peer-to-peer (P2P) sono diventati presto molto popolari. Sono emersi alla fine degli anni '90 e sono diventati rapidamente noti in tutto il mondo perché innumerevoli persone si scambiavano file musicali MP3 (per lo più in modo non del tutto legale...). La tecnologia alla base era rivoluzionaria, ma poiché le applicazioni erano problematiche dal punto di vista legale, l'azienda è rapidamente fallita di nuovo.


Il P2P aveva altri punti deboli. Chi si preoccupa di mantenere ed espandere un sistema? Così il mondo del software è tornato presto a essere più centralizzato.


Poi è arrivata la blockchain


Ci sono voluti quasi due decenni perché le applicazioni blockchain arrivassero sul mercato "in serie". Utilizzano un principio simile che può essere ben spiegato utilizzando l'e-banking come esempio. Invece di un fornitore centrale (la Banca X) che vi fornisce un database (in definitiva, il vostro conto non è nient'altro), il database (ad esempio la più nota criptovaluta Bitcoin) è ora decentralizzato. Ogni utente ha una copia di tutti i dati, è visibile e in gran parte anonimo sulla rete.


Dal punto di vista concettuale, troviamo questo approccio entusiasmante. E proprio per l'industria del vino. Perché crediamo che solo una soluzione che distribuisce energia possa offrire un valore aggiunto a tutti. Non preoccupatevi, questo non ha nulla a che fare con la violazione del copyright e le valute altamente speculative, ma con la tecnologia sottostante.


Stiamo introducendo sul mercato una soluzione multiparte. Tutti i partecipanti (l'enologo, l'importatore, il commerciante di vino, l'amante del Barolo) possono scambiare dati direttamente tra loro e avere accesso alle informazioni (questo vino è vero? È sempre stato conservato correttamente? Quando dovrei berlo?), possibilità di contatto diretto e influenze. Senza che noi, in quanto fornitori, ne abbiamo il potere.


Non siamo l'AirBnB dell'industria del vino


Il 2010 è stato il decennio delle piattaforme software. AirBnB e Uber, come esempi più famosi, hanno completamente stravolto industrie enormi, proprio come l'iPod aveva cambiato l'industria musicale.


Purtroppo, non solo in meglio. Grazie agli effetti di scala, alcuni fornitori hanno acquisito un enorme potere di mercato, che hanno naturalmente sfruttato. Ciò ha avuto talvolta gravi conseguenze, come ad esempio la gentrificazione di interi centri urbani o il problema che i tassisti, i cui salari non erano già particolarmente alti prima, ora guadagnano ancora meno.


Vogliamo prendere chiaramente le distanze da tutto ciò. Non vogliamo accumulare il maggior potere possibile e cercare di partecipare a tutte le transazioni del mercato. Da un lato, questo è illusorio, dall'altro significherebbe che dovremmo rendere il nostro software più complicato, più elaborato e più soggetto a errori. Non vogliamo questo.


Il nostro modello di business


Cerchiamo di combinare i vantaggi di un sistema centralizzato (stabilità, miglioramento continuo, responsabilità) con quelli di una rete P2P aperta (democratizzazione, cioè potere e influenza per tutti i partecipanti).


VERIWINE è una sorta di infrastruttura per l'industria del vino. Permettiamo ai produttori di vino di proteggere i loro vini dalla contraffazione e di rafforzare così il loro marchio. Aiutiamo gli importatori a rendere i loro processi più efficienti e il loro marketing più mirato. Grazie a noi, gli amanti del vino possono trovare vini che potrebbero piacere anche a loro o avere l'opportunità di dare ai produttori un feedback diretto su un vino.


In cambio, richiediamo delle tariffe che ci permettono di mantenere il software, fornire assistenza e ampliare continuamente la nostra offerta. In seguito, quando vorremo raggiungere il maggior numero possibile di clienti finali, abbiamo intenzione di espandere il nostro marketing.


Tutto il resto, però, lo lasciamo ai singoli attori dell'industria vinicola. In altre parole, a voi. Le possibilità sono infinite.

Avete un'idea?


VERIWINE consente agli innovatori del settore di trovare un mercato - dalla semina al servizio. La nostra piattaforma può essere utilizzata per condividere le conoscenze sull'agricoltura intelligente e la teoria dei corsi di vino, una serata in un ristorante con un abbinamento speciale di vini o altre esperienze enologiche.


Proprio perché non siamo il fornitore centrale, ci sono pochi limiti, tranne forse la vostra immaginazione. O per dirla in altro modo: il villaggio gallico nell'industria alimentare non sarà così facilmente conquistato in futuro. Ha una pozione magica. Ne vuole un sorso anche lei? Allora iscrivetevi qui.







1 visualizzazione0 commenti

Comments


bottom of page