top of page
JOBS.jpg

Come un truffatore e una contessa hanno portato alla fondazione di VERIWINE.

Senza Rudy Kurniawan non esisteremmo. Quando il fondatore Rahul Sen Gupta ha visto il documentario "Sour Grapes" sulla frode milionaria di Kurniawan, ha avuto un'idea. Da qui è nato VERIWINE, una soluzione in grado di prevenire tali truffe. Ma c'è anche una persona molto diversa che ci ha significativamente plasmato e ispirato. Qui raccontiamo le nostre origini una per una.


All'inizio degli anni 2000, un nuovo nome è emerso nelle aste di vino in continua crescita: Rudy Kurniawan. All'indonesiano è stato dato il soprannome di "dottor Conti" per la sua passione per il Domaine de la Romanée-Conti.


Nel 2007, Kurniawan voleva vendere diverse bottiglie di Château Le Pin del 1982 alla Christie's di Los Angeles. L'azienda ha poi contattato la casa d'aste per dire che i vini non erano autentici. L'immagine di Kurniawan cominciò a sgretolarsi e presto si aggiunsero nuove accuse di falsificazione.


Nel 2012, l'FBI ha arrestato Kurniawan. A casa sua sono stati trovati vini economici della Napa Valley, tappi di sughero, etichette e note che indicano un intento fraudolento. Per questo, il dottor Conti è stato condannato a dieci anni di carcere. La sua storia ha ispirato Jerry Rothwell e Reuben Atlas a realizzare il film documentario "Sour Grapes", uscito nel 2016.



Come i contratti intelligenti hanno portato a una soluzione intelligente.


Così come la storia di Kurniawan ha ispirato due registi, il suo film ha ispirato Rahul. Il fondatore di VERIWINE studiava da tempo la tecnologia blockchain e i contratti intelligenti. Questi contratti digitali offrono numerosi vantaggi: possono essere automatizzati, eseguiti senza l'intervento di terzi e offrono fiducia e trasparenza.


"E se...", pensò Rahul quando vide "Sour Grapes". Così ha iniziato a fare ricerche e ha scoperto che i mercati neri e grigi non sono un fenomeno di nicchia nell'industria del vino. I danni causati dalla contraffazione, dai mercati grigi e dalla cattiva allocazione ammontano a circa 20 miliardi di dollari* all'anno.


È interessante notare che non sono i vini di punta in assoluto a soffrire di più. Quanto più piccola è l'edizione di una cantina, tanto più facile è verificare l'autenticità di una bottiglia. È molto più difficile nel segmento di prezzo medio (30-80 dollari). I volumi e i margini di produzione rendono più sicuro per i truffatori immettere sul mercato i loro falsi. Almeno finora.


In ogni caso, il film e i problemi che affrontava non hanno mai abbandonato la mente di Rahul, proprio come una vacanza in Borgogna di circa 15 anni prima.


Il nostro stimolo: l'amore per il vino.


Nel villaggio di Nuits-Saint-Georges, in Borgogna, si coltiva esclusivamente Pinot Nero e si celebra l'ospitalità. È qui che Rahul ha conosciuto e apprezzato per la prima volta il vino. Insieme alla moglie, trascorse quattro notti nell'alloggio della Comtesse Madame de Loisy.


La sera la contessa servì il vino. Non solo negli occhiali: C'era un coq au vin da mangiare, che è stato lasciato brasare nel Grand Cru della casa. Qui Rahul ha imparato molto sul vino, sulla cultura alimentare e sulle cose più belle della vita.


In vino veritas - ciò che la nostra piattaforma vi offre:


VERIWINE unisce tutto ciò di cui abbiamo appena scritto: l'uso intelligente della tecnologia, la passione per il vino e la sua cultura secolare e l'intenzione di combattere gli immensi danni causati dalla contraffazione.


Grazie alla nostra soluzione, i produttori di vino possono identificare e contrassegnare come autentica ogni singola bottiglia che riempiono, senza alcun dubbio. Questa autenticità e trasparenza porta benefici lungo tutta la filiera: i rivenditori e gli amanti del vino hanno la certezza dell'origine del vino e possono tracciare il loro prodotto.


La tecnologia intelligente offre molti vantaggi oltre all'integrità dei dati e della catena di fornitura. Vogliamo riunire e democratizzare l'industria del vino, finora frammentata. Grazie a noi, anche i piccoli operatori di un tempo possono sfruttare le opportunità della digitalizzazione. I produttori di vino conoscono meglio i loro clienti finali e possono contattarli direttamente. I rivenditori ottengono inoltre dati preziosi che possono aiutarli a ottimizzare le vendite, il marketing e la progettazione della gamma di prodotti.


Creiamo anche una piattaforma di scambio. I viticoltori possono scambiarsi informazioni sui metodi di coltivazione o su nuove sfide come i cambiamenti climatici.

Santé!


Basta parlare del futuro, il nostro viaggio è appena iniziato. Ora vorremmo brindare alla Comtesse de Loisy, ora purtroppo scomparsa. Senza di lei, Rahul non avrebbe mai potuto combinare la sua conoscenza della tecnologia blockchain e le sue intuizioni sui danni da contraffazione nel settore vinicolo in una nuova soluzione. E VERIWINE non sarebbe ora sul mercato.


Nel frattempo, Rudy Kurniawan è stato rilasciato dal carcere ed espulso dagli Stati Uniti. Brindiamo al fatto che non ci sarà più vino falso nei nostri bicchieri!





* Marco Turchini, Averting counterfeiting in the wine industry: a supply chain-based framework, Università degli Studi di Firenze, January 2012.


2 visualizzazioni0 commenti

Commentaires


bottom of page